Scenari a ForumPA

Scenari a ForumPA

Sono tanti gli aspetti chiamati in causa quando si parla di formazione e competenze: l’inclusione sociale, la competitività, il rapporto tra Pa e cittadini. Pensiamo alla capacità di adattarsi a un mercato del lavoro che cambia; o alla possibilità di diventare “cittadini digitali”, di informarsi correttamente e di accedere ai servizi sempre più avanzati messi a disposizione dalle amministrazioni e dai privati. Su tutto questo pesano dati poco incoraggianti: abbiamo pochi laureati, solo il 27,6 per cento contro il 40 per cento della media europea, mentre solo il 42 per cento della popolazione tra 16 e 74 anni possiede competenze digitali di base o superiori.

 

Per cercare di eliminare questo gap, nel luglio scorso è stata adottata con un decreto dal Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione la “Strategia per le competenze digitali”. Grandi opportunità sembrano poi aprirsi grazie ai fondi messi in campo dall’Europa: il governo ha inserito nelle Linee Guida per il Recovery Plan italiano un cluster dedicato proprio a “Istruzione, formazione e ricerca”. Stiamo andando, quindi, nella giusta direzione? Un confronto in questo evento di “FORUM PA 2020 Restart Italia”.

 

L’appuntamento è per giovedì prossimo 5 novembre, dalle 9.30alle 11.30. Per seguire l’evento.

 

Programma dei lavori

Modera e introduce Michela Stentella, giornalista e responsabile redazione – FPA

Intervento di Lucia Azzolina, ministra dell’Istruzione

Partecipano

  • Cesare Avenia, presidente di Confindustria Digitale
  • Daniel De Vito, capo segreteria tecnica del Ministro – Ministero dello Sviluppo Economico
  • Giuseppe Iacono, Dipartimento per la Trasformazione digitale, Presidenza del Consiglio dei Ministri
  • Nicola Mazzocca, Consigliere del Ministro dell’Università e della Ricerca
  • Giorgio Migliarina, Vodafone Business Italy Director
  • Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale
  • Giusi Miccoli, LazioCrea
  • Andreas Schleicher, Director for the Directorate of Education and Skills, OECD

 

Scritto da: Eleonora Curatola