#PiDay: la Festa della Matematica

Conoscete il “Pi Day”? E’ una festa nata negli Usa, proclamata nel 1988 dall’Explorarium, il grandioso museo delle scienze di San Francisco, per festeggiare la matematica (Pi sta per Pi greco) e che sta prendendo piede anche in Italia.

Viene festeggiata non a caso il 14 marzo dato che gli anglosassoni scrivono la data indicando prima il mese poi il giorno, quindi 3/14, richiama il 3,14 del Pi greco.

In questa giornata vengono organizzate feste, sfide, conferenze, dibattiti sul tema della matematica, proliferano battute e vignette con dialoghi tra radici quadrate e numeri negativi, preparati buffet con cibi, in particolare torte, decorati con Pi greco e altri simboli, il tutto dal sapore decisamente nerd.

Una bella occasione per dare rilievo e lustro all’aspetto giocoso della matematica, considerata da gran parte degli adulti materia complicata e noiosa perché spesso associata ad esercizi ripetitivi e poco creativi.

Anch’io quest’anno parteciperò ai festeggiamenti organizzando a scuola sfide a scacchi, tanti mini laboratori di giochi, Tangram e T-Puzzle, grandi Sudoku di cartone, dadi giganti, gare di logica e rompicapo di ogni genere, alcuni ispirati allo stile del divertente sito Coolmath Games.

matematica

Davvero preziose sono state le esperienze, condivise con generosa professionalità, nel blog Piccolo Friedrich dove sono raccolte e documentate esperienze del Pi Day festeggiato già da svariati anni in maniera creativa e davvero ben organizzata.

Bellissimo il libro Tutti in Festa con Pi greco, di Anna Cerasoli dove vengono raccontate le vite di matematici, primi tra tutti Pitagora, e proposti giochi e attività per celebrare la festa.

Scritto da: Cristiana Zambon