Governance della cultura

Governance della cultura

Dopo la prima esperienza pilota realizzata lo scorso anno [vedi la notizia Cultura del bene comune], oggi 20 futuri agenti culturali arricchiscono la loro formazione alla Palestra dell’Innovazione per costruire nuovi scenari di governance del bene comune con i mattoncini colorati.

 

Si tratta di un gruppo misto, coordinato da Sabina Addamiano, docente a contratto del Dipartimento di economia aziendale dell’Università degli studi di Roma Tre, così composto

  • universitari romani con formazione economico aziendale
  • studenti Erasmus
  • giovani con formazione umanistica di Groningen

 

I giovani si cimentano nel costruire e condividere un nuovo modello di governance dei beni comuni, sostenibile e inclusivo, con l’aiuto di Cecilia Stajano [@CStajano], facilitatrice certificata del Metodo Lego® Serious Play® e della metodologia MTa Learning.

 

Il caso di studio è il Parco degli Acquedotti, che si ammira dalle finestre della Classe 3.0, uno degli ambienti modulari più suggestivi della Palestra dell’Innovazione.

Scritto da: Eleonora Curatola