EYOWdesign

EYOWdesign

PuffPunk

Italia

 

 

Descrizione

Nel corso del 2020 sino ad oggi, stiamo vivendo un periodo storico assurdo. Un susseguirsi di avvenimenti e cambiamenti repentini che hanno destabilizzato l’intero pianeta: dalla sanità all’economia, riflettendosi sulla socialità. Un cambiamento dei paradigmi che ci costringe, anche indirettamente, a cambiare le nostre abitudini, dai rapporti sociali alle scelte di vita. Moralmente abbiamo vissuto momenti di forte paura per l’ignoto e in seguito qualche spiraglio di speranza che però si è rilevato uno specchio per le allodole, creando un clima più teso e deludente. Nonostante si cerchi di arrivare ad una qualche forma di normalità, la paura di farsi avvicinare da chiunque rimane, e ciò che si prova sono sentimenti diametralmente opposti: da un lato la voglia di vivere e socializzare, dall’altra la paura di calare le difese per un potenziale contagio. Come il progetto “Macheen” presentato alla Fashion Digital Night ad AltaRoma nel 2020 poco prima dell’avvento del Covid, il progetto “PuffPunk” si ispira al mondo animale, ovvero il pesce palla, un animale affascinante che ha un sistema di difesa molto particolare: non appena avverte una minaccia esterna, infatti, si gonfia aumentando di volume, estraendo le sue spine, con l’intento di spaventare l’eventuale assalitore. L’abito vuole essere un’arma di difesa per porre delle riflessioni su tematiche attuali che sembrano marginali alla pandemia, ma sono state ampiamente accentuate da sconforto, frustrazione e malcontento e hanno portato ad un tasso di violenza e di privazione dei diritti umani a livelli inauditi. Il progetto “PuffPunk” è stato sviluppato totalmente da remoto: il modello è stato digitalizzato e sono stati impiegati strumenti come laser cut e stampa 3D per la fabbricazione. Abbiamo ideato un collo integrato nell’abito che si gonfia e sgonfia grazie all’integrazione di una ventola intelligente, che azionata da un sensore fotosensibile, percepisce l’avvicinamento di una persona attraverso l’ombra che essa proietta. Con un circuito indossabile, abbiamo potuto collegare un microcontrollore alla ventola in modo da controllarla a nostro piacimento. Il microcontrollare, dunque, rileva i valori di luce ed ombra nell’atmosfera e aziona automaticamente la ventola, permettendo la simulazione del meccanismo difensivo del pesce palla.

 

PuffPank Throughout 2020 to date, we are experiencing an absurd historical period. A succession of events and sudden changes that have destabilized the entire planet: from health to the economy, reflecting on sociality. A paradigm shift that forces us, even indirectly, to change our habits, from social relationships to life choices. Morally, we experienced moments of strong fear of the unknown and later some glimmer of hope which, however, revealed itself as a lark, creating a more tense and disappointing atmosphere. Despite trying to get to some form of normality, the fear of being approached by anyone who remains, and what you feel are diametrically opposite feelings: on the one hand the desire to live and socialize, on the other the fear of letting go of defenses for a potential contagion. Like the “Macheen” project presented at the Fashion Digital Night in AltaRoma in 2020 just before the advent of Covid, the “PuffPunk” project is inspired by the animal world, that is the puffer fish, a fascinating animal that has a very particular defense system: as soon as it senses an external threat, in fact, it swells increasing in volume, extracting its thorns, with the intent of frightening any attacker. The dress is intended to be a defense weapon to reflect on current issues that seem marginal to the pandemic, but have been amply accentuated by discouragement, frustration and discontent and have led to a rate of violence and deprivation of human rights at levels unheard of. The “PuffPunk” project was developed completely remotely: the model was digitized and tools such as laser cut and 3D printing were used for manufacturing. We have designed an integrated neck in the dress that inflates and deflates thanks to the integration of an intelligent fan, which, activated by a photosensitive sensor, perceives the approach of a person through the shadow it projects. With a wearable circuit, we were able to connect a microcontroller to the fan so that we could control it at will. The microcontroller, therefore, detects the values of light and shadow in the atmosphere and automatically activates the fan, allowing the simulation of the defensive mechanism of the puffer fish.

 

Scritto da: Eleonora Curatola