Energy Fact Checking

Energy Fact Checking

Gli italiani hanno familiarità con il tema delle energie rinnovabili (il 55%), ma con una conoscenza poco approfondita: solo il 6% dichiara di saperne molto (Ipsos, Gli Italiani e l’energia, 2020).

 

Nella distribuzione dell’offerta di informazione i contenuti scientifici e tecnologici coprono solo il 7%, nonostante siano temi che influenzano scelte di investimento e consumo. Solo il 15% dei giornalisti ha una preparazione adeguata. Quasi il 20% delle fake news riguarda temi scientifici [Agcom, News vs fake nel sistema dell’informazione].

 

Per il progetto CO.ME.SE (COde&FraME for Self Empowerment) realizzato con Eni il 25 novembre e il 3 dicembre sono in programma due laboratori di fact checking con gli esperti dell’Agenzia giornalistica Italia (Agi). L’obiettivo è formare una nuova generazione di changemaker e debunker. Le sessioni formative si svolgono sulla piattaforma Microsoft Teams.

 

I webinar interattivi approfondiscono le tecniche di fact checking applicate alle notizie scientifiche e tecnologiche, con focus sull’energia. Ai workshop on line seguono sfide a squadre per mettere alla prova la capacità di verificare o falsificare le informazioni sulla transizione energetica. In un tempo stabilito le squadre di studenti, riuniti in stanze digitali, devono valutare la correttezza di una serie di informazioni (fonti di energia, consumi ecc.), motivando in breve la risposta e le fonti usate. Una giuria di esperti valuta le risposte e stabilisce i vincitori. Alla sfida può essere aggiunta un’ulteriore prova: la presentazione divulgativa (in linguaggio semplice ma non banale) di un concetto tecnico complesso.

 

 

Scritto da: Eleonora Curatola