Un’idea per la CodeweekEU? Giocare con Coding e Post-it Art

Un’idea per la CodeweekEU? Giocare con Coding e Post-it Art

code-1Venerdì 7 ottobre ho avuto il piacere di partecipare al Convegno Flip-me, una bellissima  occasione di incontro, condivisione e scambio tra colleghi appassionati del proprio lavoro.

Ho dato un piccolo contributo raccontando la mia esperienza all’interno della Palestra dell’Innovazione  e l’avventura che mi ha ispirato con la Genius Hour in classe.

Avendo parlato di come valorizzare nella didattica le attività creative, nel workshop che ho curato, ho pensato di condensare l’arte con il rigore del Coding, un’idea che può essere utilizzata anche in occasione della CodeWeekEU,

Ho proposto così un’attività di Post-it Art, una divertente espressione artistica con la quale si dilettano molti impiegati decorando con Post-it colorati  le finestre degli uffici.

code-2I colleghi che hanno partecipato al workshop hanno realizzato diverse opere seguendo degli algoritmi.

Ho  scritto le istruzioni utilizzando solo tre dei simboli della programmazione proposti questa lezione tradizionale (carta e matita) di Programma il Futuro. Avendo poco tempo a disposizione, ho semplificato al massimo, scrivendo le diverse righe staccate una dall’altra.

In base all’età e alle capacità dei bambini, gli algoritmi possono essere più articolati e inseriti altri simboli in modo da rendere l’attività più stimolante e giocosa.  Modelli e ispirazione si possono trovare online cercando Post-it Art, Pixel Art o Punto a Croce (già!). Per creare i disegni, si possono utilizzare fogli a quadretti o l’App Bitdraw.

La proposta è stata accolta con entusiasmo e maestre, professoresse e professori e si sono subito lanciati verso una parete armati di Post-it.

code-3Tra scambi di esperienze e chiacchiere in un clima davvero allegro e vivace, sono apparsi velocemente diversi Space Invaders colorati. Li ho esposti su Creatubbles in questa galleria.  E’ uno spazio aperto, dove invito i tutti i colleghi che ripeteranno l’esperienza a scuola a condividere le proprie opere.

Ringrazio di cuore la Palestra dell’Innovazione con la quale vivo esperienze speciali e i simpaticissimi colleghi che ho conosciuto, sperando che ci siano presto nuove occasioni di incontro.

Scritto da: Cristiana Zambon