Nao aiuta a studiare

Oggi è il quarto appuntamento con la nuova iniziativa promossa da Fondazione Mondo Digitale e dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale “A. Ruberti” della Sapienza di Roma, in collaborazione con Media Direct, per invogliare anche i liceali verso percorsi universitari di taglio tecnologico e scientifico.

 Si tratta di laboratori intensivi di tre ore che si svolgono presso il Robotic Center della Palestra dell’Innovazione, per dare ai giovani la possibilità di sperimentare concretamente cosa significhi lavorare in un settore emergente e di successo come quello della robotica. Un lavoro che si rivela gratificante e appassionante in tutti i settori, dalla i robotica bio-ispirata a quella di servizio.

Dalle 9.30 alle 12.30, al Robotic Center della Palestra dell’Innovazione, in via del Quadraro 102 (quartiere Tuscolano), ci sono gli studenti del liceo scientifico Via Copernico di Pomezia, accompagnati dal docente Pietro Ingargiola. Aiutati dallo staff di ingegneri della Sapienza, 24 ragazze e ragazzi, che frequentano la classe 4 BL, conosceranno le potenzialità del robot umanoide Nao e il settore della robotica.

Federico, dottorando della Sapienza, dipartimento Ruperti, racconta l’esperienza del laboratorio con i Nao e il liceo scientifico Copernico di Pomezia.

Scritto da: Redazione