Libri per una maestra in vacanza

libri-vacanzaFino alla ripresa della scuola sarò fuori città, spesso su una spiaggia dove non c’è connessione Internet. Se questo durante l’anno sarebbe una tragedia per me, devo ammettere che in vacanza è proprio quello di cui ho bisogno. Niente salti da un sito all’altro, nessuna ricerca, niente controllo delle mail ogni ora, niente avvisi continui di gruppi di WhatsApp… Un po’ di meritata vacanza al mio tablet e smartphone che hanno superlavorato per tutto l’anno.

Io così mi prenderò  del tempo per stare un po’  seduta a leggere.

Ecco pronti in valigia i tre libri che verranno con me (oltre alla settimana enigmistica che non può proprio mancare!). Sono di autori molto diversi uno dall’altro, tutti insegnanti ed educatori attenti ed innovativi alla relazione, alla didattica e alla ricerca di strategie per valorizzare le capacità dei propri alunni.

  • Lettera a una professoressa, scuola di Barbiana. Ho ricevuto questo libro in regalo dalla collega meravigliosa con la quale ho avuto la fortuna di lavorare quest’anno. Lei, piena di saggezza e competenze, da settembre sarà in pensione. Mi ha salutata regalandomi questo libro che mi ha detto di aver  letto  all’inizio della sua carriera e che l’ha aiutata a comprendere il vero significato del “fare scuola” . Metto il libro in valigia con una lacrimuccia…
  • Educare alla libertà di Maria Montessori. Trovo sempre profondamente illuminante il metodo Montessori. Ho scelto il libro semplicemente per il titolo, senza neanche leggere il retrocopertina. Spero di fare mie strategie per imparare a sostenere una crescita libera, spontanea e  responsabile delle mie figlie e dei  bambini con i quali lavoro.
  • Star bene insieme a scuola, di Francescato, Putton, Cutidi. Un libricino che sembra proprio prezioso perché relativo  all’unico aspetto per me faticoso e a volte frustrante del mio lavoro: la gestione della classe e il controllo della serenità delle relazioni.  Osservo spesso difficoltà relazioni dei bambini e  ho mille dubbi sul come sostenerli nel controllo delle emozioni soprattutto in circostanze conflittuali o stressanti.
    Il libro fornisce esempi, spunti di riflessioni e suggerisce strategie per la promozione del benessere socio-affettivo. Ecco, devo leggerlo per primo!

Ritornerò a settembre, pronta al suono della campanella!

Buona estate!

Scritto da: Cristiana Zambon