La fisica con Algodoo

AlgodooNella mia vita da maestra ho allagato in più occasioni cattedra e pavimento durante esperimenti sul galleggiamento, organizzato gare con cucchiai-catapulte, stupito bambini con chiodini e magneti. Gli esperimenti di fisica sono accolti sempre con grande entusiasmo, affascinano, stupiscono e divertono tutti.

Con un po’ di ingegno e guardando con occhi diversi materiale e oggetti di uso comune, se ne possono sperimentare utilizzi diversi e realizzare macchine semplici, leve, carrucole…

Ho provato ad arricchire le esperienze attive e concrete utilizzando un software gratuito davvero entusiasmante: Algodoo.  E’ possibile, a colpi di click, fare esperimenti difficilmente realizzabili a scuola come ad esempio su molle, ruote dentate, fluidi, attrito e sperimentare virtualmente moltissimo altro di fisica 2D.

Ha una grafica in stile cartone animato, simpatica ed accattivante. Incoraggia a fare ipotesi e verificarle. Riflettere su risultati ed errori è immediato e, in ambiente virtuale, è davvero semplice testare il lavoro e fare modifiche in base ai risultati ottenuti.

I propri studi e i propri risultati possono essere condivisi attraverso Algobox, una biblioteca che raccoglie una grandissima banca virtuale di progetti di altri utenti che possono essere scaricati. E’ attiva una community che discute, si confronta e collabora a progetti ed esperienze.

Per iniziare a cimentarsi nei primi esperimenti con Algodoo, sono davvero preziosi i tutorial di Jessica Redeghieri, chiari e puntuali, che guidano dal download alle diverse esperienze.

Algodoo è anche un’app per iPad.

Scritto da: Cristiana Zambon