Anche la moda è inclusiva

Anche la moda è inclusiva

A causa dell’emergenza sanitaria anche il contest Digital Made. For Young Fashion Talents si è dovuto trasformare per rispettare le norme sul distanziamento fisico. La sfilata virtuale dei 25 progetti finalisti si è svolta all’interno della manifestazione PowWow Fashion Tech Week (18-20 maggio 2021) [vedi la notizia L’innovazione nella moda].

 

 

Nell’evento di ieri, dopo le valutazioni della giuria, sono stati proclamati i vincitori della terza edizione per le diverse categorie e assegnato il primo premio.

 

 

  CATEGORIA WEARABLE TECHNOLOGY

 

Witsense con LOveWEAR. Un progetto inclusivo pensato per le persone che convivono con gravi limitazioni nelle attività abituali. Indaga la possibilità di interagire autonomamente con la propria intimità sessuale.

Il progetto vince un workshop di formazione Fabricademy a scelta tra i corsi di Wearable technology, biomaterials, patternmaking e soft robotics, tenuti da esperti internazionali della community Fabricademy in programma da settembre 2021. Offerto da Fabricademy

 

 

 

  CATEGORIA DIGITAL FABRICATION

 

Zer Era con Zer Collection. Il team di lavoro ha sviluppato un prodotto usando diverse tecniche di fabbricazione digitale per realizzare i capi senza generare rifiuti.

Il progetto vince il corso di Sartoria digitale della durata di 30 ore, presso Dama Academy a Milano. Offerto da Damacademy.

 

 

 

  CATEGORIA BIOMATERIAL

 

Future Wardrobe (Spagna). Il progetto unisce biotecnologia e moda attraverso l’indagine e lo sviluppo di nuovi materiali a partire dalla coltivazione di micro alghe.

Vince l’opportunità di entrare a far parte del team di progettazione e sperimentazione di un progetto dello Studio Elitre ottenendo i crediti a fine collaborazione. Offerto da Studio Elitre.

 

 

 

  VINCITORE ASSOLUTO

 

Felipe Fiallo con We Go Far 2022. Una collezione di sneaker che sviluppa diverse tecniche e sperimenta varie tipologie di materiali, contaminando fabbricazione digitale, biologia e sostenibilità.
Il progetto vince un premio in denaro di 1.000 euro offerto dalla Fondazione Mondo Digitale.

 

 

All’evento finale, condotto da Matteo Viscogliosi, hanno partecipato:

  • Gaia Danese, console generale d’Italia a Barcellona
  • Aldo Sollazzo, Noumena
  • Ilaria La Manna, Architect and designer
  • Luca Leonardi, Consorzio Arca
  • Alessio Tommasetti, architetto
  • Mia Vilardo e Riccardo Polidoro, Studio Elitre

 

 

Il progetto Digital Made è coordinato da Matteo Viscogliosi, designer, maker e responsabile del fab lab della Palestra dell’Innovazione.

Scritto da: Eleonora Curatola