L’Officina degli artisti digitali

L’Officina degli artisti digitali

L’arte condivisa

All’interno del progetto Media Art la Palestra dell’Innovazione è animata da artisti digitali che usano le nuove tecnologie per le loro creazioni artistiche. Gli artisti vengono affiancati da ragazze e ragazzi che hanno partecipato ai laboratori dell’Officina dei Nuovi Lavori.

Le opere finali vengono esposte in due eventi internazionali promossi dalla Fondazione Mondo Digitale: Global Junior Challenge (Roma, ottobre 2015) e Media Art Festival (Roma, MAXXI, aprile 2016).

Le opere vengono realizzate all’interno del Game Lab e dell’Immersive Lab. I requisiti per partecipare sono:

  • aver frequentato l’Officina dei Nuovi Lavori
  • possedere una conoscenza base dei principali software usati nei due laboratori
  • doti di creatività, curiosità e passione per le arti e le nuove tecnologie
  • presenza nell’arco temporale in cui è prevista la realizzazione dell’opera.

Dopo due incontri conoscitivi e di programmazione a luglio, i lavori riprendono operativamente a settembre con due appuntamenti a settimana.

I giovani scelgono di candidarsi per uno dei seguenti progetti, presentati dagli stessi artisti, Lino Strangis e il duo Apotropia, formato da Antonella Mignone e Cristiano Panepuccia: Ai confini dell’universo e Un’opera tra corpo e tecnologia.

I video sono stati pubblicati anche sulla pagina Facebook dell’Officina dei Nuovi Lavori e sottoposti all’attenzione degli artisti e dei coach. Sono stati loro a selezionare i 12 ragazzi che li affiancano in questa nuova avventura.

[services src=”fa fa-video-camera” show_bg=”false”]

 

La call dell’artista Lino Strangis e le candidature dei giovani

A confini dell’universo

 

La call del duo Apotropia e le candidature dei giovani

Un’opera tra corpo e tecnologia

Scritto da: Redazione